Un racconto Zen ci insegna che per essere felici basta ignorare il peggio delle persone

//Un racconto Zen ci insegna che per essere felici basta ignorare il peggio delle persone

Un racconto Zen ci insegna che per essere felici basta ignorare il peggio delle persone

Ciò che accade fuori non è mai responsabile del nostro stato d’animo interiore. Il vero e unico responsabile è il nostro atteggiamento mentale nei confronti di ciò che accade

Ogni giorno interagiamo con persone a noi vicine, amici, parenti, colleghi o magari semplici conoscenti. Possono farci delle critiche, possono esprimere dei giudizi sia positivi che negativi ma solo noi abbiamo il potere di ignorare quelle distruttive e negative e dare valore a quelle che ci fanno sentire felici e soddisfatti.

In ogni persona c’è del buono e del cattivo. Se impariamo a non ascoltare tutto ma solo ciò che veramente ha valore, diventa più semplice allontanare tutto ciò che può essere fonte di tristezza, rabbia o frustrazione.

Imparare che ogni persona, ha due lati contrapposti, può portarci a comportarci in maniera differente e ad ignorare il lato che meno ci aggrada per dare invece più spazio a quello che ci piace di più.

Per rendere meglio il concetto faccio un piccolo esempio: io amo tantissimo la pizza e decido di mangiarne una. Impazzisco per la margherita ma non mi piace quando è bruciacchiata. Immaginiamo che il cameriere mi porti una pizza con il bordo bruciacchiato.

 

A questo punto ho due opzioni:

  1. Mangiare tutta la pizza accettando sia la parte buona che quella bruciata: in questo caso non avrò un sapore piacevole in bocca e la degustazione ne sarebbe rovinata.
  2. Mangiare la pizza ignorando il bordo: in questo caso, mangiando solo il centro il sapore sarebbe perfetto

Questo atteggiamento possiamo adottarlo in qualsiasi contesto se vogliamo andare avanti senza destabilizzarci. Immagina di trovarti ogni giorno a contatto con qualcuno che ti irrita al punto di rovinarti la giornata, questo atteggiamento porterà solo a sentirti frustrato e irritato.

Il racconto Zen per riflettere…….

Il racconto di un monaco buddista dal titolo “Ignorare è un arte” potrebbe invitarci a riflettere su questioni profonde… leggiamolo insieme:

“Si dice che una volta, un uomo si avvicinò a Buddha e, senza dire una parola, gli sputò in faccia. I suoi discepoli si arrabbiarono. Ananda, il discepolo più vicino, chiese a Buddha: “Dammi il permesso di dare a quest’uomo ciò che merita!” Buddha si asciugò con calma e rispose ad Ananda: “No. Io parlerò con lui.”

E unendo i palmi delle mani in segno di riverenza, disse all’uomo: “Grazie. Con il tuo gesto mi hai permesso di vedere che la rabbia mi ha abbandonato. Ti sono estremamente grato. Il tuo gesto ha anche dimostrato che Ananda e gli altri discepoli possono essere ancora assaliti dalla rabbia. Grazie! Ti siamo molto grati!” Ovviamente, l’uomo non credette a ciò che udì, si sentì commosso e angosciato”

In questo caso Buddha ha ignorato un comportamento dannoso, non ha permesso che un gesto così irriverente come uno sputo in faccia compromettesse la sua felicità, anzi ne ha tratto giovamento capendo quello che stava accadendo in lui (la pace) e cosa invece accadeva intorno a lui (l’astio).

Impara ad ignorare

“L’amore vogliamo trovarlo, riceverlo e mantenerlo. Ma non funziona così. L’amore è un verbo, si fa. Non è una cosa che si cerca, si compra, si trova, si baratta. L’amore, a differenza dell’ego, è la nostra vera natura. È già dentro di noi, occorre solo lasciarlo emergere e fluire. In primo luogo verso noi stessi e poi verso il prossimo”

Per imparare ad ignorare però dobbiamo prima imparare ad accettare: accettare il fatto che ci possono essere cose che vanno ignorate, aspetti o lati negativi, accettare che non tutto quello che accade intorno a noi può soddisfare le nostre aspettative ed è quindi fondamentale capire che non bisogna giudicare ma semplicemente allontanare quello che disturba e la negatività e infine imparare a regolare le nostre emozioni, potenziando la tolleranza di ciò che non vogliamo ci ferisca.

Ecco cosa devi ignorare per essere felice

Ignorare le persone non è una cosa facile e a volte può anche farci sentire “sbagliati”, ma riuscire a comprendere che è un modo per proteggersi può farci diventare più forti e di conseguenza più felici. Certamente non puoi alzarti una mattina e deciderlo, ci vuole un po’ di allenamento, devi crearti una sorta di guscio protettivo per il tuo equilibrio interiore.

Ignora le critiche poco costruttive

Sicuramente le persone che criticano in maniera distruttiva, coloro a cui non va mai bene nulla e che invece di essere propositive tendono solo a giudicare. La critica è molto formativa e interessante per imparare dai propri errori, tuttavia a volte, ci sono delle critiche davvero gratuite e inappropriate che sarebbe meglio non ascoltare. Il consiglio in questa fase è ignorarle e non farsi prendere dalla rabbia o dalla tristezza. Infatti non bisogna mai lasciarci giudicare da persone che non si potranno mai mettere nei nostri panni.

Ignora le manipolazioni mentali 

Nella vita ci saranno sempre persone che cercheranno di manipolarti, di usarti e di controllare le tue emozioni; può essere un genitore o magari il tuo partner. Non necessariamente devi allontanarti da loro basta non concedere a queste persone la possibilità di renderti infelice e di minare la tua serenità.

Abbandona relazioni inutili e distruttive

Molti, anzi moltissimi, continuano a portare avanti storie d’amore che non andranno mai da nessuna parte. Amare qualcuno vuol dire essere felici, trovare la felicità, aprire il cuore alle emozioni. Se una relazione è sbagliata non ha senso restare. Se non vi è nulla da salvare, fatti un favore, renditi felice chiudendo questa relazione. I primi tempi la tristezza sarà grande ma dopo poco tempo ritroverai la felicità persa.

Ignora ogni tentativo di vendetta

Fare del male ad altri o compiere azioni non proprio appropriate non faranno altro che farti cadere in uno stato di profonda insofferenza e insoddisfazione. Trattare male gli altri, prendersi gioco di tutti procura dolore in due direzioni. Compire buone azioni invece addolcisce e scalda il cuore e l’animo, far stare bene gli altri equivale a stare bene per primi.

Impara a contenere la rabbia

La rabbia, il risentimento non fanno altro che renderci infelici e tormentati, importante è imparare a contenere e reprimere sentimenti così forti per lasciare spazio all’amore e alla gioia interna.

RICORDA…
La strada per trovare la felicità non è poi così distante e impossibile da raggiungere, magari è a un passo da te ma se continui a trascinarti lungo il cammino certe zavorre così pesanti, anche il primo passo per avanzare diventa un’impresa quasi impossibile.

By | 2018-04-16T08:52:39+00:00 febbraio 26th, 2018|Massaggi Per il Tuo Riequilibrio Energetico|2 Comments

About the Author:

2 Comments

  1. Anna Maria Bianchi 2 aprile 2018 at 14:28 - Reply

    Si Nicola, hai ragione…mi ritrovo perfettamente in ciò che dici…è difficile da attuare in certi momenti, ma è l’unica strada per la serenità del cuore…forse non ti ricordi di me…io non sono su Facebook ma ti ho cercato su internet…sono stata, in passato, a dei tuoi incontri…l’ultimo a Vicenza qualche anno fa…ti abbraccio…e non dimenticare mai di scrivere queste cose che ci fanno bene…

    • admin 10 aprile 2018 at 8:11 - Reply

      Ciao Anna Maria! Ti ringrazio di cuore per la tua presenza, ti abbraccio forte forte!!!

Leave A Comment